003-0

Zenit a Surgut

Zenit-Kazan a Surgut è sempre interessante. Prendere, per esempio, partita dell'ultimo turno della parte preliminare del campionato 2020 anno. Si profilava già una pandemia, ma nessuno lo sapeva ancora, che in relazione ad esso, i playoff e le Final Six saranno annullati, e il campione sarà annunciato in base ai risultati della stagione regolare. E Kazan ha appena combattuto con Novosibirsk Lokomotiv per la prima linea, come si è scoperto - e per il campionato. E gli è mancato a Surgut, senza nemmeno saperlo.

Quindi, a proposito, I residenti di Kazan erano guidati anche da Alexey Verbov. Ha trascorso l'ultima stagione al Kuzbass, battendo lo Zenit in classifica. Ora, ritorno a Kazan e Surgut, ricorderà sicuramente ai giocatori (e lo dirò a qualcuno) su quella partita per un umore migliore per il combattimento imminente.

Ma questo incontro è già una nuova storia. Gazprom-Ugra ha problemi di diagonale al posto di Machei Muzai, allo Zenit, Maxim Mikhailov tempo fa è tornato alla sua solita posizione dopo l'esperimento allora fallito con il passaggio al gioco. Confrontare le squadre di Kazan e Surgut è come organizzare una gara tra una BMW d'élite e una Volkswagen funzionante. ma, fortunatamente, la pallavolo non è una gara, qui la potenza del motore non decide tutto. Per così dire: non sempre decide tutto.

tuttavia, finora, "Zenit-Kazan" sembra un'auto molto d'élite, nonostante un nuovo importante dettaglio - Mike Christenson come rilegatore. l'idea, macinare insieme con una squadra richiede un po' di tempo, ma Christenson ha impiegato una settimana, capire, come funziona tutto qui?, e porta la tua visione del gioco. La visione è intelligente e veloce, quello che il medico ha prescritto a Bednozh e Dmitry Volkov, che già giocava con lui a Modena, che è venuto al posto di Erwin Ngapeth. Ci sono ancora asperità con Mikhailov, ma due grandi maestri si ritroveranno, non dubitare.

Lo Zenit affila la sua arma tradizionale in offseason: attaccante tridente laterale giocatori-diagonale, aggiungendo un potente computer alla distribuzione. In linea di principio,, questa conoscenza di Kazan è sufficiente. L'esperienza per tradizione decide al centro dello Zenit: Artem Volvich - Alexander Volkov - Dmitry Shcherbinin, a rotazione - maestro dell'archiviazione Andrey Surmachevsky, Denis Zemchenok . mancino, esperto Yuri Berezhko. Per volere del calendario, Gazprom-Yugra sta giocando la terza partita con il favorito di fila, e c'è ancora un viaggio a Mosca a "Dynamo". Ma ciò, forse, per il meglio: la squadra sta testando le abilità sul più forte. "Kuzbass" è riuscito a rosicchiare un lotto: come uscirà con "Zenith"?