003-0

SASHA GADNIK: "NEI BALCANI TUTTI SONO NATO CON LA SFERA"

Tra poche ore, la finale del campionato europeo inizier? a Parigi, la cui composizione nessuno poteva prevedere: Slovenia vs Serbia. A Surgut, maggiore attenzione a questa partita - il nostro grande amico Petar Krsmanovich gioca nella squadra nazionale della Serbia, e un altro grande amico, Lo sloveno Sasha Gadnik suona per Gazprom Ugra, guardato dagli spalti i giochi della sua squadra con Russia e Polonia. Non ci siamo messi in contatto con Petar prima della partita per ovvie ragioni., ma Sasha ha ricevuto una chiamata. Lo ?, a proposito, ha completato la sua carriera da giocatore due anni fa e ora lavora come secondo allenatore nella squadra femminile Nova-KBM-Branik di Maribor, campione di Slovenia negli ultimi tre anni.

– Sasha, che ne pensi, che vincer? oggi a Parigi?

– Difficile da dire. Abbiamo un vero derby balcanico! L'allenatore serbo Kovac conosce molto bene la nostra squadra, l'ha addestrata. Conosciamo anche i serbi a memoria. Dir? questo: se giochiamo allo stesso modo, come hanno giocato contro la Russia, possiamo vincere oggi.

– Ma non avrai un fattore nel tuo pubblico!

– che, supporto 11 migliaia di fan a Lubiana - ? stato un grande vantaggio per il nostro team. Ma te lo dir?, che ottomila dei nostri fan sono andati a Parigi - questo ? anche un supporto potente.

– Per cosa, secondo te, La nazionale slovena ha raggiunto la finale?

– Abbiamo una grande generazione di giocatori, certamente, il migliore in assoluto. E sono stati insieme sul sito per molti anni. A volte il lavoro di squadra a livello intuitivo. pi?, naturalmente, come ho detto, fattore del loro sito con incredibile supporto dei fan.

– Hai detto, cosa giocare in finale ? necessario, come nei quarti di finale con la Russia. E con la Polonia in semifinale hai giocato peggio?

– Dalla qualit? del gioco - s?! Ma qui i polacchi stessi non potevano sopportare la pressione. Partita pessima, a mio parere, trattenne il loro jizz legante. I polacchi erano mentalmente in finale, ne hanno parlato direttamente prima della partita - e il loro allenatore, e giocatori. nostro, naturalmente, non mi ? piaciuto molto (ride - ndr.), e li abbiamo battuti.

– Dimmelo, e cos'? oggi la pallavolo slovena? Come si sviluppa? C'? qualcuno dietro questa generazione unica?

– che! Abbiamo una buona giovinezza. Ci sono due o tre giocatori 16-18 anni, che si stanno gi? allenando con la squadra - raggiungeranno un buon livello in un anno o due. generalmente, il nostro campionato ? piccolo, lui per, in modo che i giovani giocatori locali possano esprimersi. E poi - l'Italia, Polonia, Turchia.

– Dimmelo, come paese con una popolazione di due milioni di persone mostra buoni risultati nel calcio, e nel basket, e pallavolo, e nella pallamano?

– Onestamente, non lo so! (ride - ndr.). bene, nei nostri Balcani ognuno nasce con una palla. E in Serbia, e in Croazia, e in Slovenia. Per strada, ovunque tu guardi, tutti giocano a calcio, pallacanestro, pallavolo ... Grande coinvolgimento, interesse per il gioco - porta risultati.

– Grazie per l'interessante conversazione.! Non lo so nemmeno, per chi tifare per le finali ...

– Su di noi! Non sar? cos? offensivo, se la Russia avesse perso contro i futuri campioni.